You are here: Home / Reviews / Journals / Il Mestiere di Storico / 2013 / 1 / Storia del viaggio e del turismo in Italia
Social Media Buttons fb twitter twitter twitter
  • Metadata

    • Document type
      Review (monograph)
      Journal
      Il Mestiere di Storico
      Pages
      211
      Author (Review)
      • Berrino, Annunziata
      Language (Review)
      Italiano
      Language (Monograph)
      Italiano
      Author (Monograph)
      • Jelardi, Andrea
      Title
      Storia del viaggio e del turismo in Italia
      Year of publication
      2012
      Place of publication
      Milano
      Publisher
      Mursia
      Number of pages
      675
      ISBN
      978-88-425-4927-7
      Subject classification
      Economic History
      Time classification
      Modern age until 1900 → 19th century, 20th century
      Regional classification
      Europe → Southern Europe → Italy
      Subject headings
      Tourismus
      Italien
      Publication date
      Apr 28, 2014 03:00 PM
      recensio.net-ID
      780b79f2a1f54b7ba4cd267043ad47df
      DOI
      10.15463/rec.1189724997
  • Citation rules

  • Terms of licence

    • This article may be downloaded and/or used within the private copying exemption. Any further use without permission of the rights owner shall be subject to legal licences (§§ 44a-63a UrhG / German Copyright Act).

Andrea Jelardi: Storia del viaggio e del turismo in Italia (reviewed by Annunziata Berrino)

Subject headings: ,
domenicos says:
Oct 25, 2014 03:33 PM

ho letto i due volumi, analoghi per tema e titolo, di Annunziata Berrino e Andrea Jelardi e mi pare che la recensione della prof.Berrino sia assai di parte, non solo per conflitto di interesse palese, ma anche per sostanziale imparzialità nel giudizio a svantaggio del libro di Jelardi che (oltre al numero di pagine 600 contro le 300 della Berrino) è ben fatto, molto approfondito e ricco di dettagli e spunti di rilievo (ad esempio il turismo nel cinema e in tv) che lo rendono unico e soprattutto nuovo in un panorama bibliografico molto spesso (v. appunto Berrino) di trito nozionismo.
Una recensione che insomma mi pare non faccia onore a chi la scrive.
Domenico Russo, Napoli